fbpx

Gelaterie in Veneto, al via la riapertura questo Weekend

Il governatore del Veneto Luca Zaia ha sorpreso un po’ tutti firmando in data venerdì 24 aprile 2020 una nuova ordinanza per il Veneto inaspettata, che riguarda molte imprese venete, ma soprattutto le gelaterie. L’estate è alle porte, ma il Coronavirus ha creato un vero e proprio blocco per alcune attività tipiche di questa stagione, da qui il pronto intervento della regione. Grazie alla nuova ordinanza regionale, le gelaterie in Veneto potranno riaprire da questo weekend, ma con alcune limitazioni.

Aprono le gelaterie nel Veneto con la nuova ordinanza

L’ordinanza preannunciata già nella diretta social del 23 aprile dice espressamente che “è consentita la vendita di cibo da asporto”, in particolare si rivolge al servizio di ristorazione e quindi a bar, ristoranti, ma soprattutto gelaterie. Mentre prima veniva consentita solamente la consegna a domicilio, da oggi in Veneto sarà possibile ordinare il gelato e andare a ritirarlo.

In questo modo, alcuni esercizi molto colpiti potranno ricominciare a preparare le proprie delizie per il palato ai clienti affezionati, per i quali viene concesso lo spostamento. Infatti, lo spostamento all’interno del proprio Comune verso questi esercizi commerciali diviene da oggi “giustificato sulla base dell’ordinanza”, come specificato da Luca Zaia.

Scarica l’ordinanza regionale del 24 aprile 2020 firmata da Luca Zaia

Riaperture per diverse attività con la nuova ordinanza

L’ordinanza aggiunge anche la totale riapertura delle librerie, cartolerie e negozi di abbigliamento per bambini, prima limitati all’apertura per soli due giorni settimanali. Inoltre “è consentita la vendita in esercizi anche esclusivamente commerciali al dettaglio, quali fiorerie, di prodotti florovivaistici, quali a titolo di esempio semi, piante, fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti”. In questo modo si estende anche alle fiorerie la possibilità di lavorare vendendo fiori, piante e semi. Anche i mercati all’aria aperta cambiano aspetto e si arricchiscono: “nei mercati e nelle analoghe forme di vendita su area pubblica o privata è ammessa la vendita di prodotti florovivaistici e di abbigliamento per bambini, comprese le scarpe per i bambini medesimi”, non più quindi solo prodotti alimentari.

Il punto numero 9 dell’ordinanza regolamenta anche l’accesso ai cimiteri: “è consentito l’accesso ai cimiteri nel rispetto dell’obbligo di distanziamento di un metro tra le persone e dell’uso di mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante”. L’ordinanza firmata dal presidente della Regione Veneto si pone di “togliere tutte le restrizioni che si possono togliere” e allarga la possibilità di proseguire i lavori per opere pubbliche in diversi ambiti e consente “le attività sul patrimonio ediliizio esistente secondo il regime della comunicazione e della comunicazione asseverata”

Timidi segnali di una Fase 2 in arrivo

L’assessore regionale allo sviluppo economico ed energia Roberto Marcato commenta con gioia la firma della nuova ordinanza: “Grande soddisfazione per la nuova ordinanza del presidente Luca Zaia che ringrazio per aver accolto le indicazioni e le richieste di una parte del nostro tessuto produttivo. Da oggi possibile la vendita di cibo da asporto per ristoranti, bar, pizzerie, pasticcerie e gelaterie, riaperte anche fiorerie e cartolerie, nel totale e scrupoloso rispetto delle disposizioni di protezione e sicurezza. Sono parti di economia che si rimettono in moto, che provano a trovare ristoro con questa nuova ordinanza. Ringrazio il presidente per aver posto attenzione con grande sensibilità a queste richieste che io gli ho posto dopo essermi confrontato con tutte le categorie produttive in un dialogo che in questo periodo emergenziale si è dimostrato sempre più produttivo”.

 



2 commenti

  • Giorgio gasparini

    Grande Governatore sei in grado di dirigere ci metti sempre la faccia ed è per questo che sei amato dal popolo Veneto.Grazie infinite per il tempo dedicato alle informazioni giornaliere.

  • Alessandra carletti

    Egregio presidente i circoli ippici dilettantistici ke praticano Sport all’aperto possono riaprire dal 27 aprile..? Grazie

Lascia un commento